FANDOM


"In una grande sala dai pilastri scolpiti nella viva roccia il re degli Elfi sedeva su un trono di legno intagliato. Sulla testa aveva una corona di bacche e di foglie rosse, poiché l'autunno era di nuovo alle porte. In primavera portava una corona di fiori di bosco. In mano aveva uno scettro di quercia intagliata."
Lo Hobbit, cap. IX, "La botte piena, la guardia ubriaca".

Thranduil è un elfo della stirpe dei Sindar, unico figlio di Oropher del Doriath. Dopo la morte del padre nella Battaglia di Dagorlad, cui partecipò egli stesso, divenne Re degli Elfi Silvani del Boscoverde. È il padre di Legolas, unico membro elfico della Compagnia dell'Anello.

Appare nel libro de Lo Hobbit, citato unicamente come Re degli Elfi, ed è colui che imprigiona i nani della compagnia di Thorin durante il viaggio verso Erebor, per riconquistare il tesoro posseduto dal drago Smaug. Parteciperà con il suo esercito alla Battaglia dei Cinque Eserciti, venendo ricompensato dai Nani con delle bellissime gemme ed altri tesori.

Thranduil viene citato anche nei Racconti Incompiuti, nei quali vengono aggiunti dettagli sulla sua origine e alcuni fatti antecedenti la trama de Il Signore degli Anelli. Viene menzionato brevemente anche in quest'ultima opera, soprattutto nelle appendici, dove vengono aggiunti dettagli sul ruolo del personaggio durante la Guerra dell'Anello.

Etimologia Modifica

Il nome Thranduil è in origine Sindarin e significa letteralmente "Vigorosa Primavera", anche se alcuni hanno avanzato l'ipotesi che possa trattarsi di un nome in Nandorin.

StoriaModifica

Origini Modifica

Le notizie riguardo al passato di Thranduil provengono da i "Racconti Incompiuti". Thranduil era l'unico figlio di Oropher, re degli Elfi Silvani di Boscoverde il Grande (divenuto poi Bosco Atro). Nacque nella Prima Era e visse inizialmente nel Doriath con Thingol e Melian.

Seconda Era Modifica

Thranduil e Oropher

Thranduil veglia il cadavere del padre Oropher

All'inizio della Seconda Era, Thranduil si trasferì nel Lindon con Gil-galad, mentre suo padre viveva a Boscoverde. Durante l'Ultima Alleanza, Thranduil si unì a suo padre Oropher e ad un esercito di Elfi Silvani per contrastare le truppe di Sauron a Dagorlad. Qui, Oropher venne ucciso dagli Orchi, mentre Thranduil, nel frattempo divenuto il nuovo re dei Silvani, sopravvisse e ritornò nella sua terra natale con meno dell'esercito con cui era partito.

"Ma in cuore a Thranduil era un'ombra ancor più fitta. Aveva visto l'orrore di Mordor e non riusciva a dimenticarlo; e, se mai volgeva lo sguardo a sud, nel suo ricordo la luce del sole si oscurava e, sebbene lo sapesse ormai distrutto e deserto, [...] la paura che aveva in cuore gli diceva che quell'orrore non era stato vinto per sempre, ma che sarebbe risorto."
Racconti Incompiuti, parte II, Appendice B, "I Sovrani Sindarin e gli Elfi Silvani".

Dopo la sconfitta di Sauron per mano di Isildur, Thranduil fu uno dei pochi a capire che l'Oscuro Signore non era stato ucciso e che sarebbe ritornato un giorno.

Terza Era Modifica

Dopo un migliaio di anni dalla sconfitta di Sauron, quando Boscoverde il Grande fu minacciato dal potere di Dol Guldur, Thranduil decise di spostare il suo popolo a settentrione e si stabilì nella zona orientale del Bosco Atro dove creò un proprio reame e costruì una fortezza e grandi aule sotterranee. Prima dell'arrivo dei Nani di Moria e di Smaug a Erebor, il regno di Thranduil si estendeva nei boschi che circondavano la Montagna Solitaria e crescevano sulle rive occidentali del Lago Lungo.

Thranduil interroga i Nani by Denis Gordeev

Thranduil interroga i Nani in un'illustrazione di Denis Gordeev

Nel 2941 TE le guardie di Thranduil catturarono i tredici nani guidati da Thorin Scudodiquercia mentre vagavano sperduti nel Bosco Atro. Tradotti davanti al sovrano, vennero da questi interrogati sul loro viaggio e sul perché si fossero spinti fino alle sue terre, ma non ricevette che risposte sgarbate: Thranduil decise dunque di imprigionarli nelle segrete del suo palazzo, ma l'Hobbit Bilbo Baggins, grazie al suo Anello, riuscì a farli evadere dalle loro celle e a far fuggire dal palazzo l'intera compagnia.

"A lungo e minuziosamente egli interrogò i nani su quello che avevano fatto e dove erano diretti, e da dove provenivano; ma riuscì a cavarne fuori solo poco più di quanto aveva già saputo da Thorin. Erano scontrosi, furibondi e non facevano neanche finta di essere educati. « Ma che cosa abbiamo fatto, o re? » disse Balin, che adesso era il più anziano. « È forse un crimine perdersi nella foresta, avere fame e sete, essere intrappolati dai ragni? I ragni sono dunque i vostri animali domestici o vostri cari amici, che ucciderli vi fa infuriare? ». Fu proprio questa domanda, invece, che fece infuriare più che mai il re, ed egli rispose: « È un crimine vagabondare per il mio reame senza permesso. Dimentichi forse che eravate nel mio regno, e che vi servivate della strada fatta dal mio popolo? Non avete forse cercato per ben tre volte di attaccare e disturbare il mio popolo nella foresta? e non avete forse eccitato i ragni col vostro chiasso e il vostro clamore? Dopo tutti i fastidi che avete dato ho ben il diritto di sapere perché siete venuti qui, e se non me lo volete dire adesso, vi terrò in prigione finché non avrete imparato un po' di buona educazione e di buon senso! ». Così ordinò che ogni nano fosse messo in cella da solo, che gli fosse dato da bere e da mangiare, ma che non gli fosse permesso di oltrepassare la porta della sua piccola prigione, finché almeno uno di loro non si fosse mostrato disposto a dirgli tutto quello che voleva sapere."
Lo Hobbit, cap. IX, "La botte piena, la guardia ubriaca".
Thorin, Bard e Thranduil by Denis Gordeev

Thranduil (a cavallo) e Bard trattano con Thorin in un'illustrazione di Denis Gordeev

Thranduil, in seguito, rispose alle richieste di aiuto degli Uomini del Lago recandosi ad Esgaroth con guerrieri e rifornimenti per aiutare la popolazione dopo l'attacco del drago Smaug. Decise poi di accompagnare Bard alla Montagna Solitaria così da reclamare una parte del bottino del drago; tuttavia Thorin e gli altri Nani si rifiutarono di accettare le richieste di Bard e Thranduil dicendo che essi non erano in debito verso nessuno e che non si sarebbero di certo fatti ricattare. Thranduil e gli uomini di Esgaroth, decisero dunque di porre l'assedio ad Erebor ma nella notte vennero raggiunti da Bilbo Baggins il quale, desideroso di evitare un inutile spargimento di sangue, consegnò al Re elfico e a Bard l'Arkengemma di Thorin sperando che ciò convincesse il nano a venire a più miti consigli. Nonostante ciò Thorin, furibondo per il "furto", rifiutò comunque di trattare e l'arrivo di cinquecento Nani guidati da Dain II Piediferro sembrò il preludio ad una sanguinosa battaglia tra Elfi, Uomini e Nani.

Tuttavia l'arrivo di un grande esercito di Orchi, guidato da Bolg, convinse i contendenti a mettere da parte le proprie divergenze e ad allearsi contro i comuni nemici, dando vita alla Battaglia dei Cinque Eserciti, vinta dalla coalizione di Nani Uomini ed Elfi. Dopo la morte di Thorin, Thranduil venne ricompensato da Dáin per l'aiuto prestato nella battaglia e percorse una parte del viaggio assieme a Gandalf e a Bilbo; al momento di separarsi Bilbo volle donare al re elfico una magnifica collana di perle a titolo di risarcimento di tutte le provviste che si era mangiato quando era "ospite" del Re. Thranduil, divertito dalle parole dell'hobbit, accettò la collana e nominò Bilbo "Amico degli Elfi", augurandogli le migliori fortune.

"« Ti prego, » disse Bilbo balbettando e stando ritto su una gamba sola « di accettare questo dono! », e tirò fuori una collana d'argento e perle che Dain gli aveva dato quando si erano salutati. « Che cos'ho fatto per meritare un tale dono, o hobbit? » chiese il re. « Be', ehm, pensavo, come sai, » disse Bilbo piuttosto confuso « ehm, la tua - ehm - ospitalità dovrebbe essere ricambiata con qualcosa. Anche uno scassinatore ha il suo orgoglio, non so se mi spiego. E ho bevuto un bel po' del tuo vino e mangiato molto del tuo pane ». « Accetterò il tuo regalo, o Bilbo il Munifico! » disse il re gravemente. « E ti nomino amico degli elfi e benedetto. Che la tua ombra non dimagrisca mai! (o rubare sarebbe troppo facile!) Addio! ». Poi gli elfi si volsero verso la foresta, e Bilbo iniziò il suo lungo cammino verso casa."
—Commiato tra Bilbo e Thranduil, Lo Hobbit, cap. XVIII, "Il viaggio di ritorno".

Guerra dell'Anello Modifica

All'inizio de "Il Signore degli Anelli", Aragorn cattura Gollum e lo affida a Thranduil. Successivamente, Thranduil viene assalito dalle forze di Sauron provenienti da Dol Guldur e, approfittando dell'occasione, Gollum fugge. Per avvertire Elrond della fuga di Gollum, Thranduil invia suo figlio Legolas a Gran Burrone.

Dopo una durissima battaglia, Thranduil vince contro le forze di Sauron e, nel giorno del Capodanno Elfico, si incontra nel cuore del Bosco Atro con Galadriel e Celeborn, che avevano subito vari attacchi alle loro dimore di Lothlórien, per purificare il Bosco Atro dalle malefatte di Sauron.

Thranduil e Celeborn mutano il nome di Bosco Atro in Eryn Lasgalen, il Bosco dei Fogliverdi. Dopodiché, Thranduil estende il suo regno a tutte le regioni settentrionali, sino alle montagne che si ergono nella foresta. Non si sa quale sia stata la sua fine: alcuni credono che un giorno sia partito per Aman, altri invece ritengono che si sia rifiutato fino all'ultimo di abbandonare la Terra-di-mezzo e che alla fine sia diventato uno spirito dei boschi come tutti gli elfi che scelsero di rimanere a est del mare.

Adattamenti Modifica

The Hobbit (1977) Modifica

Thranduil The Hobbit (1977)

In questo film d'animazione per la televisione, Thranduil, doppiato da Otto Preminger.

Lui e gli Elfi Silvani vengono raffigurati in maniera grottesca, in completa antitesi con i leggiadri Elfi di Imladris. Questa scelta è stata piuttosto criticata.

The Hobbit (2003 videogame) Modifica

Il Signore degli Anelli: la Battaglia per la Terra di Mezzo II (2006) Modifica

Thranduil (BfME2)

Nel gioco Thranduil è un eroe giocabile delle forze del Bene.

Nel corso della campagna del Bene parteciperà alla Battaglia di Dale e all'assalto a Dol Guldur.

Trilogia de Lo Hobbit (2012-2014) Modifica

Thranduil LeePace

Lee Pace nel ruolo di Thranduil

Nella Trilogia di Peter Jackson Thranduil è interpretato dall'attore Lee Pace.

Nonostante sia abbastanza fedele al personaggio delineato da J.R.R. Tolkien, il regista neozelandese ha introdotto alcune modifiche.