Wikia

Tolkienpedia

Seconda Era

1 161pagine in
questa wiki
Discussione0
La Storia di Arda
Ainulindalë
Anni dei Valar
Anni delle Lampade
Anni degli Alberi
Anni del Sole
Prima Era
Seconda Era
Terza Era
Quarta Era
Dagor Dagorath
Cronologia di Arda
La Seconda Era, a volte definita Seconda Era del Sole, è il secondo grande periodo della storia di Arda ad essere scandito dal sorgere e calar del Sole.

Durò esattamente 3441 anni solari, a partire dalla sconfitta di Morgoth nella Guerra d'Ira fino a quella di Sauron da parte dell'Ultima Alleanza.

GeografiaModifica

Arda in Second Age.jpg

Arda nellla Seconda Era

L'assetto di Arda durante la Seconda Era venne molto modificato rispetto a quello della Prima Era: durante la Guerra d'Ira il Beleriand fu completamente devastato e la maggior parte delle terre a ovest delle Ered Luin andarono sommerse dalle acque del Grande Mare, così come molte altre zone costiere nel Sud e nel Nord della Terra di Mezzo. I Valar crearono inoltre l'isola di Númenor, posta al centro del Belegaer a metà strada tra Aman e la Terra di Mezzo, invitando gli Edain a dimorarvi come ricompensa per aver combattuto contro Morgoth.

StoriaModifica

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Cronologia di Arda#Seconda Era.

La Seconda Era iniziò subito dopo la sconfitta dell'Oscuro Signore Morgoth da parte dell'esercito dei Signori dell'Ovest (guidato da Eönwë, l'Araldo di Manwë) nella Guerra d'Ira. L'evento che viene preso come riferimento per il computo del calendario è la definitiva cacciata di Morgoth, che viene scaraventato nel Vuoto fuori dal mondo. La Seconda Era termina invece con la sconfitta di Sauron, avvenuta da parte dell'Ultima Alleanza tra gli Elfi e gli Uomini, e il suo successivo scioglimento.

NumenorModifica

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Númenor.

Questo periodo fu caratterizzato dall'ascesa (con sempre maggiore insolenza ed orgoglio) e dalla caduta del Regno di Númenor. I Valar ricompensarono infatti gli Edain che avevano combattutto contro Morgoth donando loro la sovranità sull'isola di Númenor, fatta sorgere a metà strada tra Valinor e la Terra di Mezzo nel Grande Mare. Furono dunque anni oscuri per quei pochi Uomini che rimasero nella Terra di Mezzo, di cui la documentazione è scarsa, mentre di grande gloria per gli Uomini dell'Ovest, in seguito detti Dúnedain. In seguito la progressiva arroganza dei Re di Númenor, unita all'invidia per gli Elfi i quali non condividevano la stessa sorte degli Uomini, portò ad una progressiva disobbedienza nei confronti dei Valar. Infine, l'ultimo Re Ar-Pharazôn, fomentato dalle menzogne di Sauron, tentò con una grande flotta di infrangere il Grande Divieto dei Valar e mettere piede nelle Terre Immortali: questo gesto portò alla distruzione di Numenor, che affondò nel mare. Solo alla fazione dei Fedeli, un linea secondaria a quella dei Re, fu permesso di mettersi in salvo. Essi, guidati da Elendil e i figli Anárion e Isildur, fondarono i regni di Arnor e Gondor nella Terra di Mezzo.

Terra di MezzoModifica

All'inizio di questa era vi erano ancora numerosi Alti Elfi nella Terra di Mezzo. La maggior parte dimorava nel Lindon, a ovest dell'Ered Luin; ma prima che venisse costruita Barad-dûr e il potere di Sauron crescesse, molti Sindar andarono ad Oriente e alcuni stabilorono i loro reami nelle grandi foreste: Thranduil, Re degli Elfi Silvani di Bosco Atro era uno di questi. Nel Lindon, a nord del Lhûn, dimorava Gil-Galad, ultimo erede dei re dei Noldor in esilio, che venne riconosciuto come Re Supremo dei Noldor. Nel Lindon, a sud di Lhûn, visse per un certo tempo Celeborn, parente di Thingol e sua moglie fu Galadriel, sorella di Finrod Felagund, Amico degli Uomini, un tempo Re del Nargothrond, che diede la vita per salvare Beren, figlio di Barahir. Più tardi alcuni Noldor si recarono nell'Eregion, sul fianco occidentale delle Montagne Nebbiose, in prossimità del Cancello Occidentale di Moria. I Noldor furono meno ostili nei riguardi dei Nani di quanto non lo fossero i Sindar; l'amicizia che nacque tra il Popolo di Durin e gli Elfi dell'Eregion fu la più profonda che mai vi sia stata tra le due razze. Il Signore dell'Eregion era Celebrimbor, grande fabbro elfico e discendente di Fëanor. Fu qui che Sauron utilizzò le sue doti di ingannatore al meglio e, fingendosi amico degli Elfi, sobillò per la la creazione degli Anelli del Potere, per poi creare in segreto l'Unico Anello in modo da assoggettare al suo potere tutti gli altri. Ciò portò alla Guerra tra Sauron e gli Elfi, che si concluse in una prima sconfitta di Sauron solo grazie all'aiuto inviato da Minastir di Númenor. Dopo la caduta di Numenor, Sauron ritornò a Mordor e riprese a minacciare con una nuova guerra di popoli liberi della Terra di Mezzi; questi formarono un alleanza, detta Ultima Alleanza tra gli Elfi e gli Uomini, che sconfisse Sauron ponendo fine al suo dominio. Con la Battaglia di Dagorlad, termina quindi la Seconda Era.