Wikia

Tolkienpedia

Samvise Gamgee

1 152pagine in
questa wiki
Discussione0

Samvise Gamgee, chiamato più comunemente Sam, fu un Hobbit della Contea. Fu il giardiniere e il miglior amico di Frodo Baggins. Sam diede prova di essere il più vicino e affidabile compagni di Frodo, il più fedele della Compagnia dell'Anello, e giocò un ruolo chiave nel proteggere Frodo e nella distruzione dell'Unico Anello.

BiografiaModifica

OriginiModifica

Sam fu il figlio più giovane di Hamfast e Bell Gamgee, e ebbemolti fratelli e sorelle. Un giardiniere di professione, Sam sembrò essere un Hobbit come tutti gli altri: tuttavia, il suo amore per gli Elfi, il suo dono per la poesia, e la convizione che il mondo contenga meraviglie più grandi di quelle di cui la maggior parte degli Hobbit sono a conoscenza (tutto ciò ispirato dal suo vicino Bilbo Baggins che gli insegnò anche a leggere e scrivere) lo rendevano differente dagli altri. Viveva con suo padre, Hamfast Gamgee, conosciuto come "Il Gaffiere", in Via Saccoforino nella Contea, vicino a Casa Baggins. La madre di Sam fu Bell Buonabimba. Ebbe cinque fratelli: Hamson, Halfred, Daisy, May, e Marigold.

La Guerra dell'Anello Modifica

La fuga dalla Contea e il viaggio a Gran Burrone Modifica

Come "punizione" per aver ascoltato di nascosto una conversazione tra Gandalf e Frodo riguardo ai pericoli dell'Unico Anello, Gandalf lo scelse per essere il compagno di Frodo nel suo viaggio verso Gran Burrone.

La formazione della Compagnia e il viaggio fino a Lórien Modifica

La divisione della Compagnia e Sméagol domato Modifica

L'incontro con Faramir e la tana di Shelob Modifica

Sam vs Shelob.jpg

Dopo che Shelob attaccò e apparentemente uccise Frodo, Sam prese l'Anello, intendendo completare lui stesso la missione. Dal momento che tenne l'Anello per un certo tempo, è anch'esso considerato come un Portatore e durante il periodo in cui lo possedette fu tentato dal suo potere con visioni di un grande giardino tutto per se. Essendo umile, Sam non si lasciò mai attirare dalle illusioni e dalla tentazione dell'Anello, e lo restituì a Frodo quando lo ritrovò ancora vivo nella torre di Cirith Ungol. Lui e Bilbo furono gli unici che consegnarono di propria volontà l'Anello a qualcun'altro, e solo Sam lo fece senza pensieri.

Il salvataggio di Frodo, la distruzione dell'Anello Modifica

Quando gli Orchi presero il corpo di Frodo, Sam li sentì dire che Frodo era ancora vivo, così li seguì nella torre di Cirith Ungol determinato a salvare il suo padrone. Una volta lì, scoprì che bande rivali di Uruk e Orchi di Morgul si erano affrontate e uccise a vicenda per il possesso della cotta di Mithril di Frodo, rendendogli così il compito di salvare Frodo e trasportarlo fuori dalla torre molto più semplice. Sam e Frodo proseguirono verso il Monte Fato, travestiti da Orchi. La strada verso il Monte Fato era piena di rocce taglienti e mucchi di cenere che resero il passaggio quasi impossibile per i due Hobbit. Quando Frodo collassò dalla stanchezza, Sam lo trasportò su per il pendio del volcano, solo per essere in seguit fermato da Gollum. Sam tenne occupato Gollum, mentre Frodo raggiunse la cima. Quando Sam, seguendo Frodo, raggiunse ed entro nella porta del Sammath Naur non notò che Gollum lo seguì. Sam gridò a Frodo di distruggere l'Anello, ma Frodo fu sopraffatto dal suo potere e reclamò l'Anello per se stesso, indossandolo e scomparendo alla vista di Sam. In quel momento Gollum attacò Sam, che cadde e battè la testa perdendo conoscenza. Quando rinvenne, vide Gollum lottare con un avversario invisibile (Frodo con indosso l'Anello). Gollum strappò a morsi il dito di Frodo e con esso l'Anello, ma dalla gioia per aver riottenuto il suo tesore inciampò e cadde giù nelle profondità del vulcano, distruggendo se stesso e l'Anello. I due Hobbit tentarono di scappare all'eruzione del vulcano, e proprio quando ogni speranza era per loro perduta, Gwaihir, il Signore delle Aquile li vide, e con l'aiuto delle sue compagne Aquile Landroval and Meneldor, trasse in salvo Sam e Frodo e li condusse al sicuro.

Il ritorno a casa e la sconfitta di Saruman Modifica

In seguito, dopo essersi ripresi a Minas Tirith, Sam e Frodo assistettero con gli altri membri della Compagnia dell'Anello all'incoronazione di Re Elessar. Infine, gli hobbit tornarono alla Contea. Tuttavia i quattro amici Hobbit non trovarono la Contea come l'avevano lasciata: Saruman infatti, sotto il falso nome di Sharkey, aveva avuto modo di allargare la sua influenza sulla regione e, aiutato dagli uomini di Isengard e da alcuni Hobbit rinnegati, aveva devastato la contea sradicando alberi e avvelenando l'aria con delle fornaci. Assieme a Frodo, Pipino, Merry, Sam si mise a capo del movimento di resistenza Hobbit e prese parte alla Battaglia di Lungacque contro gli scherani di Saruman e li volse in fuga. Dopo la morte di Saruman, ad opera dell'infido Grima Vermilinguo, Sam si adoperò per riportare la Contea agli antichi fasti: utilizzando i preziosi doni di Dama Galadriel bonificò la terra dalle nequizie di Saruman e in poco tempo essa rifiorì tornando come era sempre stata, bella e fertile con tanti alberi.

Dopo la Guerra dell'Anello Modifica

Samvise e Rosie by Denis Gordeev.jpg

Dopo la Guerra dell'Anello e la fine della Terza Era, Sam sposò Rosie Cotton. Ebberono in totale tredici figli: Elanor la Bella, Frodo, Rose, Merry, Pipino, Cioccadoro, Hamfast, Daisy, Primrose, Bilbo, Ruby, Robin, e Tolman. Quando Frodo Baggins annunciò che sarebbe partito per le Terre Immortali, ad Ovest della Terra di Mezzo, donò a Sam il Libro Rosso dei Confini Occidentali e la proprietà di Casa Baggins dove Sam e la sua numerosa famiglia, chiamata "i Giardinieri" visse per molti anni. Dopo che Will Piedebianco si dimise dalla carica si Sindaco di Michel Delving, nel SR 1427, Sam fu eletto Sindaco della Contea con mandato di sette anni per sette volte consecutive. Assieme alla moglie Rosie compì anche un viaggio a Gondor dove lui e la moglie furono ospiti di Re Elessar per oltre una non. In quell'occasione la Regina Arwen nominò Rosie sua dama di compagnia.

Ultimi AnniModifica

Dopo che sua moglie morì nel 61 della Quarta Era (SR 1482), Sam affidò il Libro Rosso a sua figlia, Elanor, e lasciò la Contea. Egli si diresse ai Porti Grigi, e poichè fu anch'egli un Portatore dell'Anello (benchè per poco tempo), gli fu concesso di attraversare il Mare e riunirsi a Frodo nelle Terre Immortali.

Adattamenti Modifica

Il Signore degli Anelli (1978) Modifica

Il Ritorno del Re (1980) Modifica

Trilogia de Il Signore degli Anelli (2001 - 2003) Modifica

Nella trilogia di Peter Jackson il ruolo di Sam è stato interpretato dall'attore statunitense Sean Austin. La caratterizzazione appare piuttosto fedele al personaggio del libro e non se ne discosta eccessivamente.

CuriositàModifica

  • Sam è da molti riconosciuto come il vero eroe del romanzo, perché non è mai stato soggiogato dal potere dell'Anello e perché ha saputo sempre seguire Frodo in nome dell'amicizia e grazie alla sua umiltà.
  • Sean Austin, l'attore che interpretò l'hobbit nella trilogia di Peter Jackson, durante le riprese della fuga di Frodo alle cascate del Rauros si tagliò profondamente un piede con un coccio di bottiglia, rendendo necessari diversi punti di sutura