FANDOM


"Allora a Fingolfin parve di antivedere la totale rovina dei Noldor e l'irrimediabile sconfitta di tutte le loro casate; e, in preda all'ira e alla disperazione, balzò sul suo grande cavallo Rochallor e partì tutto solo, che nessuno avrebbe potuto trattenerlo. Passò per il Dor-Nu-Fauglith come un vento tra la polvere, e chiunque lo vide sfrecciare fuggì sgomento, persuaso che si trattasse di Orome in persona"
—Fingolfin e Rochallor cavalcano verso Angband, Il Silmarillion

Rochallor fu il grande stallone di Fingolfin il Re Supremo dei Noldor durante la Prima Era. Era un cavallo grande e veloce e assai coraggioso, che accompagnò il suo padrone ai cancelli di Angband per sfidare Morgoth. Potrebbe essere stato uno degli antenati dei Mearas.

EtimologiaModifica

Il significato del nome Rochallor non è molto chiaro, ma sembra essere di origine Sindarin. La radice roch- significa letteralmente "cavallo".

Descrizione Modifica

Rochallor viene descrito nel Silmarillion come un grande cavallo bianco, più grande degli altri cavalli, fedele al suo padrone e velocissimo. Quando galoppava la terra tremava sotto i suoi zoccoli e le sue cariche erano inarrestabili e travolgenti.

StoriaModifica

Ben poco si sa di Rochallor ma sembra che facesse parte di quei cavalli di Valinor che i Noldor avevano portato con sé durante la loro Fuga da Aman. In seguito Maedhros per riparare alle azioni del padre, che aveva abbandonato Fingolfin e la sua gente nell'Helcaraxë, donò a suo zio molti dei cavalli che essi avevano portato con loro. Durante a Dagor Bragollach Rochallor accompagnò il suo padrone fino ai cancelli di Angband e rimase in attesa alle sue spalle durante il suo duello contro Morgoth. Dopo che Fingolfin fu ucciso Rochallor fu assalito dai lupi e dai mannari di Morgoth, ma riuscì a fuggire in virtù della sua grande velocità. La sua corsa frenetica lo portò nell'Hithlum dove, a causa della fatica e del dolore, il suo cuore si spezzò e morì.