FANDOM


Le Montagne Gialle, conosciute anche Oromalen, sono un'antica catena di montagne collocate nel sud-est della Terra di Mezzo, ancora più a sud della regione di Harad, tra l'antico Mare di Ringol e il Mare Orientale. Un tempo facevano parte degli Orocarni, ma a seguito di una serie di eventi catastrofici si separarono da esse. Sono montagne abbastanza ricche di minerali, e in tempi remoti vi si stabilì la casata dei Nani Nerachiave.

Etimologia Modifica

Oromalen è un nome di origine Sindarin che significa letteralmente "Montagne Gialle".

Popolazione Modifica

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Nani.

Il territorio in cui sorgono queste montagne è piuttosto aspro a causa del caldo e delle poche piogge, tuttavia in città sotterranee e miniere vi dimora la stirpe dei Nerachiave, una delle Sette Casate dei Nani. Non si sa molto di questi Nani, anche perché si sono quasi sempre tenuti al di fuori dei grandi eventi della Terra di Mezzo; tuttavia almeno in due occasioni vengono nominati: sembra infatti che durante la Guerra dell'Ultima Alleanza siano stati alleati di Sauron, mentre nella Guerra tra i Nani e gli Orchi inviarono molti guerrieri a vendicare l'affronto di Azog alla stirpe di Dúrin.

Storia Modifica

Le montagne gialle facevano parte di quelle catene di montagne edificate dai Valar all'inizio dei tempi, e una volta erano collegate agli Orocarni. Tuttavia, quando Melkor abbatté le due lampade, la terra fu sconvolta da grandi cambiamenti e gli Oromalen si divisero diventano una catena montuosa a sé stante. Durante gli Anni degli Alberi, la stirpe dei nani Nerachiave giunse in questi luoghi e li elevò a propria dimora costruendovi fortezze e scavando profonde miniere come nel costume di quel popolo.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale