Fandom

Tolkienpedia

Meneltarma

1 749pagine in
questa wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Condividi


"Ma al centro del paese sorgeva un monte alto e ripido, detto Meneltarma, cioè Pilastro del Cielo, e sovr'esso stava un luogo elevato consacrato a Eru Ilùvatar, non cintato né coperto da tetto, e nessun altro tempio o santuario s'aveva nella terra dei Nùmenóreani. Ai piedi del monte vennero costruite le tombe dei Re e non lungi, su un colle, sorgeva Armenelos, la più bella delle città, con la torre e la roccaforte eretta da Elros figlio di Eärendil, dai Valar scelto a essere primo Re dei Dunedain."
—Il Meneltarma, Il Silmarillion

Il Meneltarma era la montagna più grande e alta di Númenor. Sulla sua sommità si tenevano le cerimonie religiose durante Le Tre Preghiere in onore di Eru, officiate dai Re di Númenor. S'inabissò assieme al resto dell'isola nel 3319 SE, anche se alcuni sostengono che la cima ancora affiori dal Mare. Aveva una sommità piatta e vasta, tanto da poter ospitare una grandissima folla durante la cerimonie religiose. Non c'era nessun edificio poiché le funzioni avvenivano sempre all'aria aperta.

Etimologia Modifica

Il nome Meneltarma è di origine Quenya e significa letteralmente "Pilastro dei Cieli". In Adûnaico era noto come Minûltarîk.

Descrizione Modifica

Aveva una sommità piatta e vasta, tanto da poter ospitare una grandissima folla durante la cerimonie religiose. Non c'era nessun edificio poiché le funzioni avvenivano sempre all'aria aperta. Il silenzio assoluto era d'obbligo per chiunque salisse il monte. La tradizione era così forte e radicata che anche gli stranieri si sentivano in dovere di restare muti. Solo il Re aveva il diritto di parlare, per indirizzare preghiere e ringraziamenti a Eru Ilúvatar, durante le tre feste sacre di Númenor: Erukyermë, Erulaitalë e Eruhantalë. Uccelli e animali non si avvicinavano al monte, eccezion fatta per le Aquile di Manwë, che a volte si potevano scorgere mentre sorvolavano il picco della montagna, e quando ciò accadeva era considerato un ottimo presagio. Esse erano considerate le guardiane del monte e di tutta l'isola. Le pendici del Meneltarma digradavano dolcemente, formando cinque catene collinose, paragonabili alle radici del monte, chiamate Tarmasundar, le Radici del Pilastro. Sul pendio sud erano collacate le tombe dei Re di Númenor, in una valle chiamata Noirinan.

Storia Modifica

Il Meneltarma nacque quando Ossë trasse l'isola di Númenor dalle profondità del Mare all'inizio della Seconda Era. Nell'anno 3319 della Seconda Era l'isola di Númenor venne distrutta e fu fatta sprofondare nell'oceano da Eru. Tar-Mariel, moglie di Ar-Pharazôn e ultima Regina cercò di raggiungere la vetta durante la Caduta, ma le acque la raggiunsero prima che lei potesse arrivare alla cima. Qualcuno dei Dúnedain scampati con Elendil alla distruzione, affermò che la vetta del monte affiora ancora dalle acque. Si dice che se mai qualcuno la trovasse e raggiungesse la cima, potrebbe scorgere le Terre Immortali.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su Fandom

Wiki casuale