Wikia

Tolkienpedia

Lo Hobbit

Discussione0
382pagine in
questa wiki

Lo Hobbit o La riconquista del tesoro (titolo originale: The Hobbit. There and Back Again) è un romanzo fantasy scritto da John Ronald Reuel Tolkien dedicato a un pubblico di bambini, secondo la tradizione delle fiabe. La sua prima pubblicazione risale al 21 settembre 1937 e funge da antefatto a Il Signore degli Anelli (The Lord of the Rings), pubblicato molti anni dopo, tra il 1954 ed il 1955.

Smaug

Il drago Smaug nella sua tana, illustrazione per Lo Hobbit di Zsófia Ziaja

La tramaModifica

La trama de "Lo Hobbit" è abbastanza semplice, soprattutto per questo è talvolta considerato una storia per bambini. Un giorno lo stregone Gandalf, insieme con tredici nani, va a trovare Bilbo Baggins, uno hobbit che vive a Hobbiville, nella Contea, e gli spiega che questi nani, il cui capo è Thorin Scudodiquercia, vorrebbero riconquistare il loro regno di Erebor, la Montagna Solitaria, che diversi decenni prima era stato conquistato dal drago Smaug. Gandalf ingaggia Bilbo come scassinatore, a causa della sua abilità in questo campo, e i compagni gli promettono, in caso di successo, un quattordicesimo dell'enorme tesoro che si trova nella montagna. Bilbo, come tutti gli hobbit, è un tipo sedentario, a cui piace dormire e fumare la pipa, così è restio a partire, ma alla fine, viene convinto, e si imbarca nella strana avventura.

Dopo innumerevoli avventure (tra le quali si annovera la scoperta di un anello magico, sottratto da Bilbo a Gollum nella sua caverna nelle Montagne Nebbiose — anello che ha il potere di rendere invisibili), i Compagni riescono ad arrivare alla Montagna Solitaria e a liberarla dal drago. Bilbo tornerà a casa pieno di ricchezze e con il suo prezioso anello ed un ricco bottino.

L'anello trovato da Bilbo avrà un enorme peso nel romanzo Il Signore degli Anelli.

Il libroModifica

Il libro è diviso in 19 capitoli di cui 18 si svolgono nel 2941 della Terza Era e uno nel 2949; i titoli (nella nuova versione annotata italiana, Bompiani 2004), sono:

  1. Una festa inaspettata
  2. Montone arrosto
  3. Un breve riposo
  4. Su e giù nella collina
  5. Indovinelli nell'oscurità
  6. Dalla padella nella brace
  7. Strani alloggi
  8. Mosche e ragni
  9. Barili di contrabbando
  10. Un'accoglienza calorosa
  11. Sulla soglia
  12. Notizie dall'interno
  13. Nessuno in casa
  14. Fuoco e acqua
  15. Le nuvole si addensano...
  16. Un ladro nella notte
  17. Scoppia il temporale
  18. Il viaggio di ritorno
  19. L'ultima tappa.

In altre edizioni i nomi di alcuni dei capitoli cambiano.

CuriositàModifica

  • Una parodia de Lo Hobbit - intitolata Lo scrobbit - è stata pubblicata nel 2004 dallo scrittore italiano Joey Luke Bandini.
  • Nel film La compagnia dell'Anello, lo Hobbit è mostrato, anche se implicitamente. Quando, infatti, a Granburrone, Frodo apre il libro che Bilbo ha completato, il breve testo che riusciamo a vedere si rivela tratto, appunto, da Lo Hobbit, sebbene la faccenda sia narrata in prima persona e vari in alcuni punti.

Ad esempio, nella prima pagina che Frodo apre, a destra è visibile una cartina geografica della zona di Granburrone, mentre a sinistra si legge una parte del testo scritto.

Smallwikipedialogo.png Questa pagina utilizza contenuti di Wikipedia. L'articolo originale si può trovare all'URL Lo Hobbit. La lista degli autori si può vedere nella cronologia della pagina. Proprio come Tolkienpedia, i testi di Wikipedia sono disponibile sotto la GNU Free Documentation License.

Nella rete di Wikia

Wiki a caso