Fandom

Tolkienpedia

Helcaraxë

1 749pagine in
questa wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Condividi


"Che tra la terra di Aman che a nord piegava verso est e le rive orientali di Endor (che appartiene alla Terra di Mezzo), che volgevano invece a occidente, era un angusto stretto, attraverso il quale le algide acque del Mare Accerchiante e le onde di Belegaer confluivano, e quivi erano vaste nebbie brune di freddo mortale, e le correnti marine erano irte di cozzanti colline di ghiaccio e piene dello scricchiolio di ghiacci sprofondati. Tale era lo Helcaraxë, e nessuno ancora aveva osato avventurarvisi, salvo i soli Valar e Ungoliant"
Il Silmarillion, cap, IX, "La fuga dei Noldor"

Helcaraxë, Helcaracsë o Ghiaccio Stridente è un angusto e pericoloso stretto ghiacciato all'estremo Nord di Arda, posto tra Aman e la Terra di Mezzo.

Descrizione e posizioneModifica

Helcaraxe mappa.png

Posizione dell'Helcaraxë

L'Helcaraxë si trova nel nord di Arda alla confluenza del freddo Ekkaia, il Mare Accerchiante, e Belegaer, il Grande Mare che separa il continente di Aman dalla Terra di Mezzo.

Lo stretto è completamente ricoperto da una pericolosa distesa di ghiaccio scricchiolante, su cui è sempre calata una densa nebbia dovuta alla confluenza delle diverse acque e che connette l'Araman, regione a Aman, alle rive occidentali della Terra di Mezzo.

StoriaModifica

Il primo transito noto dell'Helcaraxë fu quello compiuto da Melkor e Ungoliant, durante la loro fuga dai Valar, in seguito alla distruzione dei Due Alberi e l'Ottenebramento di Valinor.

Fingolfin Helcaraxe.jpg

Fingolfin guida la sua schiera tra i ghiacci

Il secondo transito noto fu quello dei Noldor. Dopo il Fratricidio di Alqualondë essi giunsero infatti nel nord di Arda e qui si fermarono di fronte ai primi denti di ghiaccio che galleggiavano nel mare.
"Ma cominciavano a soffrire assai per il freddo e per le brume spesse che nessun raggio di stella riusciva a penetrare; e molti si pentirono di essersi messi in cammino, e presero a mormorare, in specie coloro che seguivano Fingolfin, maledicendo Fëanor e decretandolo la causa di tutti i mali degli Eldar"
Il Silmarillion, cap, IX, "La fuga dei Noldor"

Cominciando a soffrire per il freddo, parte dei Noldor presero a sparlare di Fëanor e a maledirlo essedo stato la causa di tutti i loro mali. Fëanor, al corrente di tutto ciò, avendo ritenuto l'Helcaraxë intransitabile e le navi troppo poche per trasportare tutta la schiera, s'impadronì con i suoi figli delle navi e abbandonò al loro destino coloro che non erano a lui legati. Dopo essere stati abbandonati dalla Casa di Fëanor in Araman, Fingolfin e la sua schiera proseguirono il loro viaggio verso la Terra di Mezzo inoltrandosi coraggiosamente nella distesa ghiacciata.

"Il fuoco dei loro cuori era ancora giovane e, guidati da Fingolfin e dai suoi figli, nonchè da Finrod e da Galadriel, osarono avventurarsi nel più crudo Nord; e, non trovando altre risorse, alla fine affrontarono i terrori dell'Helcaraxë e le crudeli colline di ghiaccio. Ben poche delle gesta compiute in seguito dai Noldor sorpassarono in ardire e in durezza quel disperato passaggio"
Il Silmarillion, cap, IX, "La fuga dei Noldor"

Durante la traversata dovettero sopportare grandi avversità, dato il freddo mortale, la mancanza di risorse e la pericolosità dei ghiacci. Molti perirono e tra questi vi fu Elenwë, moglie di Turgon, che cadde in acqua durante la traversata. L'Helcaraxë diminuì notevolmente il seguito originale di Fingolfin finchè non giunsero finalmente nella Terra di Mezzo al tempo del primo sorgere della Luna, trainata da Tilion.

L'Helcaraxë cessò di esistere dopo la Guerra d'Ira alla fine della Prima Era.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su Fandom

Wiki casuale