FANDOM


La Guerra tra Númenor e i Valar, conosciuta anche come Spedizione di Ar-Pharazôn o Follia di Ar-Pharazôn, fu il nome dato al tentativo dei Dúnedain, corrotti da Sauron, di conquistarsi l'immortalità portando la guerra alle Potenze nel 3318 SE. Fu la goccia che fece traboccare il vaso e i Valar rimisero il proprio imperio a Eru che, dopo aver imprigionato l'esercito di Númenor nelle Grotte degli Obliati, scatenò l'Akallabêth.

Antefatti Modifica

Sauron a Númenor.jpg

Ormai da quasi mille anni i Dúnedain di Númenor avevano cominciato ad allontanarsi dai Valar, parlando contro il Divieto loro impostogli di veleggiare verso Ovest e invidiando gli Elfi per la loro immortalità. Dall'epoca di Tar-Calmacil avevano infatti preso il potere a Númenor gli Uomini del Re che cominciarono ad avvelenare i cuori dei numenoreani con le loro dottrine. Il peggio tuttavia accadde durante il regno di Ar-Pharazôn: l'arrogante Re infatti portò Sauron a Númenor come prigioniero, ma con il tempo il potente Maia, che era stato luogotenente di Morgoth, divenne il più stretto consigliere di Ar-Pharazôn e completò così la corruzione degli Uomini. Egli infatti li spinse ad abbandonare il culto dei Valar e di Eru per abbracciare quello di Melkor e insinuò nella mente debole del Re e dei suoi sudditi che le Potenze e gli Elfi, gelosi della gloria di Númenor, avessero escluso i Dúnedain dal dono dell'immortalità.

La guerra Modifica

Convinto da Sauron, il quale aveva addirittura fatto costruire un tempio in onore a Melkor e bruciato il Nimloth sull'altare, Ar-Pharazôn, ormai anziano e spaventato dalla morte, pose mano alla creazione del più grande esercito che Númenor avesse mai radunato per raggiungere Valinor e conquistarsi l'immortalità. Nonostante suo cugino Amandil, Signore di Andúnië e capo degli Elendili, avesse cercato di dissuaderlo Ar-Pharazôn non volle sentire ragioni. Quando tutto fu pronto il Re salì sulla propria nave Alcarondas e partì alla volta di Valinor. Dopo una lunga navigazione la flotta giunse infine sulle coste di Valinor; la vista del Taniquetil per un momento spaventò Ar-Pharazôn e fu sul punto di ordinare alla flotta di tornare indietro, venendo colto dal dubbio che ciò che Sauron gli aveva detto fosse falso. Tuttavia l'orgoglio ebbe il sopravvento e ordinò di sbarcare l'esercito, dopodiché marciò sulla città di Tirion, intorno alla quale pose il proprio accampamento forse in attesa che le Potenze mandassero qualche messaggero o in attesa del momento propizio per attaccare. Tuttavia le potenze non mandarono alcun messaggero: preso atto che Ar-Pharazôn aveva rifiutato l'ultima possibilità concessagli, essi rimisero a Eru il proprio Imperio. Il Padre di Tutto allora scatenò il suo potere: l'esercito di Ar-Pharazôn venne imprigionato nelle Grotte dell'Oblio, la flotta distrutta e Aman venne tolta da Eä e spostata su un diverso piano dell'esistenza.

Conseguenze Modifica

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Akallabêth.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale