Wikia

Tolkienpedia

Galadriel

744pagine in
questa wiki
Discussione0
Boromir2.jpg Questo articolo è soltanto un abbozzo
Per favore, aiuta Tolkienpedia a espanderlo, se puoi.

Dama Galadriel, conosciuta anche come Altáriel, era la figlia di Finarfin, figlio di Finwë e Principe dei Noldor, ed Eärwen, cugina di Luthien del Doriath.

Fece parte degli Elfi venuti dall'Occidente che, durante la fuga dei Noldor da Valinor, passarono per il nord, attraverso i Ghiacci Stridenti, quindi fu nemica di Fëanor e dei suoi figli. Nel Beleriand conobbe alla corte di Re Thingol il nobile Celeborn, con il quale si sposò ed ebbe una figlia di nome Celebrían che, nella Seconda Era, sposò Elrond Mezzelfo.

Dopo la Guerra d'Ira, che distrusse il Beleriand, si trasferì con il marito e alcuni elfi nella Terra di Mezzo, dove fondò il regno di Lothlórien. Fu una degli ultimi grandi signori degli Elfi della Terra di Mezzo e possedeva Nenya, uno dei Tre Anelli del Potere più potenti forgiati da Celebrimbor durante la Seconda Era.

Dopo la Guerra dell'Anello, con la sconfitta di Sauron, abbandonò per sempre la Terra di Mezzo salpando assieme ad Elrond dai Porti Grigi alla volta di Aman.

Etimologia Modifica

Galadriel inizialmente fu chiamata Artanis, che significa "Nobile Dama" dal padre Finarfin ricevette il nome di Nerwen dalla madre Eärwen, che in Quenya significa "Dalla forza di un uomo" in riferimento alla sua altezza e alla sua forza, Galadriel era un nome Sindarin che le fu dato dal suo amato sposo Celeborn, quando si trasferì a vivere con lui nel Doriath che significa letteralmente "Dama coronata da una ghirlanda di splendore radioso" in riferimento ai suoi lunghi capelli biondissimi.

Biografia Modifica

Anni degli Alberi Modifica

Nascita e vita a Valinor Modifica

Galadriel nacque a Valinor durante gli Anni degli Alberi da Finarfin, figlio del Re Supremo dei Noldor Finwë, e da Eärwen, figlia del Re dei Teleri Olwë. Ella era l'unica figlia femmina della coppia e la più giovane dei figli di Finarfin; oltre ad essere imparentata con i Figli di Fëanor, ella era anche parente di Re Thingol del Doriath, che era lo zio di sua madre, e dunque cugina di Luthien. Galadriel trascorse i suoi primi anni di vita nella città di Tirino dove, nonostante non scorresse buon sangue tra il padre e Fëanor, strinse una sincera amicizia con i cugini.

Prima Era Modifica

La fuga dei Noldor e l'incontro con Celeborn Modifica

Quando Fëanor istigò i Noldor a lasciare Valinor per inseguire Morgoth, ella fece parte di quelle schiere che decisero di seguirlo spinte dal desiderio di raggiungere il Beleriand e ivi crearvi un proprio regno, lontano dai Valar. Galadriel si mosse dunque assieme alle schiere del padre Finarfin, non prendendo dunque parte al Fratricidio di Alqualondë e arrivando solo a fatti compiuti. A differenza del padre che, spaventato dalla Maledizione di Mandos, decise di tornare indietro a Valinor, ella proseguì assieme ai fratelli unendosi alle schiere di loro zio Fingolfin.

Quando Fëanor decise di abbandonare le schiere del fratello nei Ghiacci Stridenti, ella si adirò contro la famiglia di Fëanor e giurò eterna inimicizia nei loro confronti. Dopo la durissima traversata dell'Hellarcaxe, giunse finalmente nel Beleriand assieme ai fratelli e con loro si spostò verso est, alla ricerca di terre dove fondare un proprio regno.

Celeborn meets Galadriel.jpg

L'incontro tra Galadriel e Celeborn

Giunsero dunque nel Doriath dove vennero ricevuti da Re Thingol in persona: egli, pur non amando i Noldor a causa del fratricidio di Alqualondë, prese a ben volere Galadriel e i suoi fratelli in quanto figli della figlia del suo amatissimo fratello Olwë, perciò decise di accogliergli e concedergli le terre a ovest del Doriath dove Finrod costruì la propria del reggia del Nargothrond, modellata su esempio di quella del Menegroth. Galadriel tuttavia non seguì i fratelli: ella aveva infatti incontrato nella reggia dello zio Celeborn, un parente di Thingol che comandava la guardia reale, di cui si era innamorata e aveva deciso di sposarlo e rimanere per sempre con lui nel Doriath. Tuttavia negli anni successivi non mancò di fare frequenti visite ai fratelli nel Nargothrond.

La caduta del Doriath e la Guerra d'Ira Modifica

Dopo la caduta del Doriath, con la morte di Re Dior ucciso da Celegorm, Galadriel si trasferì con il marito alle foci del Sirion, assieme agli altri superstiti del regno. Non si sa se abbi partecipato o meno alla Guerra d'Ira, ma è probabile che non sia rimasta in disparte, essendo forse tra i Noldor la più potente maga esistente.

La Seconda Era Modifica

Dopo la distruzione del Beleriand Galadriel e il marito si trasferirono nella Terra di Mezzo, stabilendosi inizialmente nelle terre del Lindon, sotto il regno di Gil-Galad, pronipote di Galadriel, per poi trasferirsi nella regione dell'Eriador dove fondarono il regno dell'Eregion. In questo periodo, nell'anno 350 SE, nacque una figlia cui i genitori dettero il nome di Celebrían. Successivamente Galadriel e il marito abbandonarono il regno dell'Eregion, cedendo la corona a Celebrimbor, e si attraversarono le Montagne Nebbiose assieme ad alcuni Sindar per fondare il regno di Lothlórien. Fu in questo periodo che Galadriel ricevette Nenya, uno dei tre più potenti anelli forgiati da Celebrimbor all'epoca della sua collaborazione con Sauron, quando ancora questi si faceva chiamare Annatar.

La Terza Era Modifica

La Guerra dell'Anello Modifica

L'Abbandono della Terra di Mezzo Modifica

Havens.jpg

Galadriel abbandona la Terra di Mezzo assieme a Gandalf, Elrond, Bilbo, Frodo e Ombromanto.

Nell'anno 3021 TE Galadriel capì che il suo tempo nella Terra di Mezzo era giunto al termine. Per questo motivo assieme al marito Celeborn, raggiunse i Porti Grigi, regno di Círdan il Carpentiere, per imbarcarsi alla volta di Aman. Qui si congedò dal marito, che l'avrebbe comunque raggiunta in seguito, e assieme a Gandalf, Bilbo, Frodo, Elrond e Ombromanto, salì sulla nave per Valinor abbandonando per sempre la Terra di Mezzo. Con la partenza di Galadriel non rimasero più testimoni viventi della Prima Era nella Terra di Mezzo che potessero narrare della gloria e della rovina dei Noldor.