Wikia

Tolkienpedia

Eru Ilúvatar

1 416pagine in
questa wiki
Discussione0
"Rúmil dichiarò: «Ilúvatar era l'inizio, e oltre non può andare la saggezza dei Valar, né quella degli Eldar o degli Uomini»
«Chi era Ilúvatar?» chiese Eriol «Uno degli Dèi?»
«No, non lo era» rispose Rúmil «perché li creò.
Ilúvatar è il Signore per Sempre che risiede oltre il mondo; che lo plasmò e non è in lui o da lui formato, ma lo ama.»
"
J.R.R. Tolkien, Racconti ritrovati

Eru (nella lingua di Arda "Ilùvatar") è l'essere supremo di , l'universo, di cui Arda e la Terra di Mezzo è solo una parte.

Eru è paragonabile al Dio cristiano, ma ha probabilmente anche dei collegamenti con la mitologia nordica, di cui Tolkien era un esperto conoscitore; è lui che crea gli Ainur, gli dei che governano il mondo, e da lui arriva tutto, comprese le popolazioni.

Etimologia Modifica

Eru è il nome con il quale è conosciuto in tutte le principali lingue elfiche (Quenya, Sindarin, Nandorin etc.) e significa "Uno, l'Unico". É anche conosciuto con il nome di Ilúvatar che in Quenya significa "Padre del Tutto".

OriginiModifica

Eru, per le sue caratteristiche (onnipotente, onnisciente e la saggezza) richiama certamente il Dio cristiano, tesi avvalorata anche dai diversi appellativi che gli vengono attribuiti, ma in particolare, Padre del Cielo o Padre di Tutto.

Ma probabilmente ci sono anche dei collegamenti con la mitologia nordica e, in particolare, con quella finnica: il nome Ilùvatar richiama infatti quello di Ilmatar, lo spirito della creazione secondi la mitologia del nord.

CreazioniModifica

"Esisteva Eru, l'Uno, che in Arda è chiamato Ilúvatar; ed egli creò per primi gli Ainur, i Santi, rampolli del suo pensiero, ed essi erano con lui prima che ogni altro fosse creato"
J.R.R. Tolkien, Il Silmarillion, Ainulindalë

Eru è il creatore di Ea, l'intero universo e degli Ainur, gli dei minori. In particolare, il Dio Supremo, creò le popolazioni della Terra di Mezzo accendendole con la Fiamma Imperitura.

Eru creò Elfi e Uomini con determinate caratteristiche. Gli Elfi arrivarono per primi, e ricevettero la bellezza, la saggezza e l'immortalità. In particolare, gli Elfi non potevano concepire la malvagità, per una loro bontà radicata nell'animo Gli Uomini, invece, erano mortali e, a differenza degli Elfi (che potevano essere uccisi da ferite, ma che continuavano ad alloggiare nelle Aule di Mandos), una volta morti abbandonavano Eä, per non fare più ritorno. La morte era quindi un dono, che liberava lo spirito dal destino dell'universo.

Per quanto riguarda i Nani, questi furono creati da Aulë, uno dei Valar, ma furono "adottati" da Eru.Anche piante e animali vennero animate da Ilùvatar, tranne però quelli che mostrano sapienza, come le Aquile.