FANDOM


"Furono questi gli esordi di quel popolo che nella favella degli Elfi Grigi è detto Dùnedain, Nùmenóreani, Re tra gli Uomini. Ma non per questo essi si sottrassero al destino di morte che Ilùvatar aveva decretato per tutta l'Umanità, e continuarono a essere caduchi, ancorché i loro anni fossero lunghi, ed essi non conoscessero malattia prima che l'ombra calasse su di loro. Ragion per cui, divennero saggi e gloriosi e in tutte le cose più simili ai Primogeniti di ogni altra stirpe di Uomini; ed erano alti, di statura maggiore dei più alti tra i figli della Terra di Mezzo; e la luce dei loro occhi era come di stelle splendenti. Ma il loro numero cresceva solo lentamente, perché, sebbene nascessero loro figlie e figli più belli dei loro padri, pure erano poco numerosi."
—I Dúnedain, Il Silmarillion

I Dúnedain (al singolare Dúnadan), noti anche come Númenoreani o Uomini dell'Ovest, sono una razza di Uomini discendenti da quegli Edain della Prima Era che combatterono contro Morgoth e furono ricompensati dai Valar con il regno di Númenór. Quando il loro regno fu distrutto a causa dell'arroganza di molti dei suoi abitanti, i loro discendenti che si salvarono dalla distruzione dell'isola giunsero nella Terra di Mezzo dove fondarono i regni di Gondor e Arnor. Avversi a Sauron ed in buoni rapporti con gli Elfi, essi sono dotati di lunga vita ed altri doni concessi loro dai Valar come premio per le loro sofferenze nelle guerre contro Morgoth. Essi sono il popolo di Elros, figlio di Eärendil, imparentato con gli Elfi e anche con i Maiar.

Etimologia Modifica

Il nome Dúnadain deriva dal Sindarin e significa letteralmente "Uomini dell'Ovest", dall'unione delle parole Dûn (ovest) e Adain (Uomini). Nella lingua Quenya essi erano noti con il nome di Núnatan, dall'unione delle parole Nûn e Atan. Nella loro antica lingua, l'Adûnaico, chiamavano sé stessi Adûn che significa appunto "Uomini".

Descrizione Modifica

Caratteristiche Modifica

Erano molto intelligenti e sapienti; fisicamente erano più alti e più forti degli altri Uomini e anche degli Elfi, eccetto la stirpe dei Vanyar. Erano molto ben curati esteticamente e avevano spesso capelli neri con occhi grigi: la loro stazza imponente, agli occhi degli uomini selvaggi o incivili della Terra di Mezzo, li faceva sembrare delle divinità. Avevano una vita circa cinque volte più lunga (più o meno 350 anni, tranne la famiglia di Elros, che viveva di più, anche per 4 secoli), ma la durata di vita cominciò a diminuire, con le altre caratteristiche, dopo che i dunedain cominciarono a dividersi. Nella Terra di Mezzo, mescolandosi con altre stirpi, e a causa della Terra di Mezzo stessa, contaminata dal male, le loro qualità si ridussero ancora. Potevano scegliere il momento della loro morte, una volta raggiunta la vecchiaia, e avevano capacità di preveggenza. La casa reale, inoltre, possedeva spiccate capacità mediche (a Gondor si diceva: "le mani del Re sono mani di guaritore"); ciò era dovuto, oltre alla scienza numenoreana, anche alla parentela con gli Elfi e con Elrond, maestro in molti campi di saggezza e soprattutto nella scienza biomedica.

Stirpi dei Dúnedain Modifica

Dopo la distruzione di Númenor e la fuga nella Terra di Mezzo i Dúnedain si divisero i due stirpi, la cui divisione si accentuò con la morte di Isildur e la definitiva separazione dei regni di Gondor e Arnor, senza contare inoltre i Numenoreani appartenenti agli Uomini del Re superstiti. Nella Terra di Mezzo esistettero dunque tre principali stirpi dei Dúnedain che, benché simili, si distinguevano tra loro per diverse caratteristiche:

  • Guerriero di Arnor

    Un Dúnedain di Arnor in tenuta da combattimento

    Dúnedain di Arnor: I Dúnedain di Arnor (noti anche come Dúnedain del Nord) erano i discendenti dei seguaci di Elendil e di quei Numenoreani che avevano scelto di vivere nella regione dell'Eriador. Essi fondarono il regno di Arnor, dove la stirpe di Isildur si conservò più a lungo, ma, a seguito della distruzione del regno ad opera del Re Stregone, entrarono in clandestinità divenendo noti come Raminghi del Nord. I Dúnedain di Arnor furono coloro che mantennero il sangue di Númenor più puro, rifuggendo dall'incrociarsi con gli Uomini che all'epoca abitavano la regione; benché fossero anche loro corrotti, essi mantennero buona parte delle caratteristiche degli Uomini di Númenor, come la statura imponente, i capelli neri, gli occhi grigi e una vita più lunga degli altri uomini. Un tempo molto numerosi, ala fine della Terza Era erano ridotti a poche migliaia.
  • Guerriero di Gondor

    Un Dúnedain di Gondor in veste d soldato

    Dúnedain di Gondor: I Dúnedain di Gondor (noti anche come Dúnedain del Sud), erano i discendenti dei seguaci di Isildur e Anárion, figli di Elendil, e di quei Numenoreani che avevano scelto di vivere nella Valle dell'Anduin e sulle coste del Mar Belegaer. Nonostante fossero ben più numerosi dei Dúnedain del Nord, gli Uomini di Gondor divennero ben presto anche i Dúnedain che per primi persero molte delle loro originarie caratteristiche. Essi infatti non si fecero problemi ad incrociarsi con gli Uomini del Nord o con gli altri Uomini che abitavano quelle terre; benché questo fenomeno avesse riguardato soprattutto la popolazione dell'interno (contadini, villani est.) più che le grandi famiglie nobili e i Dúnedain che abitavano nelle città sulla costa, verso la fine della Terza Era erano ben pochi a Gondor coloro che conservavano ancora buona parte dei caratteri degli Uomini dell'Ovest. I Dúnedain dei Gondor guadagnarono qualcosa da queste unioni miste, divenendo più saldi e coraggiosi, ma persero molte delle caratteristiche che li rendevano unici: benché esteriormente potessero sembrare dei Dúnedain (con capelli neri e occhi grigi), la loro vita si accorciò a tal punto che potevano considerarsi appena un po' più longevi degli altri Uomini della Terra di Mezzo e coloro che superavano i cent'anni ancora vigorosi erano pochi e appartenenti quasi esclusivamente alle famiglie nobili; inoltre persero molto dell'antica scienza numenoreana.
  • Black Númenóreans
    Numenoreani Neri: i Dúnedain appartenenti a questa stirpe discendevano da coloro che avevano abbracciato le dottrine degli Uomini del Re, voltando le spalle agli Elfi e ai Valar. In seguito, anche per opera di Sauron, rinnegarono addirittura Eru Ilúvatar per dedicarsi al culto di Morgoth; ciò fu una delle cause della rovina di Númenor, decretandone la distruzione. Tuttavia non tutti morirono durante l'Akallabêth: molti infatti si salvarono e abitarono soprattutto nella colonia numenoreana di Umbar. In seguito divennero alleati di Sauron e acerrimi nemici dei Popoli Liberi della Terra di Mezzo.

Lingua Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi le voci Adûnaico, Sindarin e Quenya.

I Dúnedain di Númenor erano sostanzialmente bilingui: per la maggior parte parlavano infatti sia l'Adûnaico, la lingua degli Uomini, che il Sindarin, cosa che facilitava i rapporti con gli Elfi. Molti addirittura erano trilingui, in grado di parlare correntemente anche il Quenya. I membri della Casa di Elros erano indubbiamente i più poliglotti: oltre all'Adûnaico, al Sindarin e al Quenya sembra che fossero addirittura in grado di parlare il Valarin.

Religione Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi la voce Le Tre Preghiere.

I Dúnedain originariamente erano seguaci di Eru e seguivano il culto dei Valar, i cui massimi sacerdoti erano i Re della Casa di Elros. Prima che l'ombra calasse sui cuori dei Dúnedain essi erano soliti seguire le Tre Preghiere: tre volte l'anno (inizio primavera, mezza estate e autunno) i Numenoreani si recavano sulla cima del Meneltarma guidati dal loro sovrano per pregare e inneggiare a Eru, facendo delle offerte sull'altare a lui dedicato. Con l'affermarsi degli Uomini del Re le Tre Preghiere cominciarono ad essere osservate saltuariamente, fino ad interrompersi del tutto con Ar-Gimilzôr. Gli unici a serbarsi fedeli al culto dei Valar furono gli Elendili, mentre gli Uomini del Re per opera di Sauron si convertirono al culto di Morgoth, provocando così l'ira di Eru e la distruzione di Númenor. I Dúnedain sopravvissuti al disastro dell'Ovesturia e che giunsero nella Terra di Mezzo erano per la maggior parte Elendili, ragion per cui continuarono ad adorare i Valar, anche se non si hanno notizie di culti organizzati come a Númenor.

StoriaModifica

La fondazione d Númenor Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi la voce Númenor.
Númenor
"Ricco compenso toccò anche ai Padri di Uomini delle tre case fedeli. Eonwë andò tra loro ad ammaestrarli, ed essi furono dotati di sapienza, potere e vita di maggior durata di ogni altra stirpe umana. Venne edificata. Una contrada in cui gli Edain dimorassero, che non era parte né della Terra di Mezzo né di Valinor, da entrambe le quali era separata da un ampio mare, ancorché fosse più prossima a Valinor. La sollevò Ossë dalle profondità della Grande Acqua, Aulë la approvò, Yavanna la arricchì; e gli Eldar vi portarono fiori e sorgenti da Tol Eressèa. I Valar la dissero Andor, cioè Terra di Dono; e la Stella di Eärendil splendette lucente all'Ovest come pegno che tutto era pronto e quale guida per mare; e gli Uomini si meravigliarono nello scorgere quella fiamma argentea lungo i sentieri del Sole."
—La creazione di Númenor, Il Silmarillion


La caduta di Númenor e l'esilio nella Terra di Mezzo Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi la voce Akallabêth.
Kingdomsofthedunedain

Durante gli ultimi anni del regno di Númenór, sotto il dominio di Ar-Pharazôn, venticinquesiemo ed ultimo re, il popolo era diviso in due fazioni: la maggior parte appoggiava il re, che istigato dai subdoli consigli di Sauron, si era dchiarato ostile ai Valar, invidioso della loro vita eterna e desideroso di poterne beneficiare a sua volta. L'altra parte molto meno numerosa, seppur di nascosto, aveva continuato ad appoggiare i Valar, e quando Ar-Pharazôn dichiarò guerra alla Reame Beato, i Fedeli, come vennero definiti poi, si rifiutarono di seguire il re nel suo folle intento. Poco prima che la furia di Eru si abbattesse su Númenor, fuggirono quindi nella Terra di Mezzo guidati da Elendil, scampando alla punizione di Ilùvatar, che causò l'inabissamento di Numenor e la pressochè totale estinzione dei Numenoreani. I Dúnedain, scampati alla distruzione di Númenor, vissero in seguito a Gondor e a Arnor, due nazioni fondate da Elendil e chiamate per questo i "Regni in Esilio".

Guerra contro Saruron e la divisione di Arnor e Gondor Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi le voci Arnor, Gondor e Raminghi del Nord.
Quando giunsero nella Terra di Mezzo Elendil rimase nel nord, nella regione dell'Eriador, dove fondò il regno di Arnor, mentre i suoi figli Isildur e Anárion raggiunsero la città Numenoreana di Pelargir, nel sud, dove fondarono il regno di Gondor. Nel 3434 SE Sauron, l'Oscuro Signore di Mordor
Dúnedain

Un Dúnedain di Arnor nelle vesti di Ramingo

Dopo la caduta di Arnor e, in seguito, di Arthedain, i Dúnedain del nord sopravvissuti divennero noti come Raminghi del Nord e continuarono ad abitare e a proteggere le terre dei loro padri a nord di Gran Burrone, che costeggiano le Montagne Nebbiose e il territorio di Angmar. Divennero un popolo di viaggiatori, molto esperti infatti delle Terre Selvagge, di caccia e di vegetazione, abili a muoversi nei boschi, a nascondersi, passare inosservati e secondo le necessità a nascondere o seguire eventuali tracce. Mentre a Gondor col passare dei secoli il sangue puro dei Dúnedain, che donava agli uomini di Númenor grande longevità e forza mentale e fisica, andò perdendosi, fu in questi individui che il lignaggio degli antichi Numenoreani mantenne la sua purezza e le virtù che lo contraddistinguevano. Non a caso infatti, si mantenne intatta la linea di sangue di Elendil, che per lungo tempo era stata creduta spezzata.

Guerra dell'Anello e Quarta EraModifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi le voci Aragorn, Grigia Compagnia e Guerra dell'Anello.

Per tutta la durata del conflitto i Raminghi del Nord pattugliarono e difesero, su richiesta di Gandalf, la Contea, per evitare l'infiltrazione delle spie di Sauron, e tenerne nascosta l'esistenza il più a lungo possibile. Tuttavia un'intera compagnia di Dunedaìn del nord, guidata da Aragorn e Halbarad, combattè nella Battaglia dei Campi del Pelennor, dopo aver sbaragliato i corsari di Umbar, e seguitò a combattere anche nella Battaglia del Morannon, davanti al Nero Cancello. Durante la Quarta Era, dopo la Guerra dell'Anello, i Dúnedain di Gondor e Andor furono riunificato sotto il regno di Aragorn, trentanovesimo e ultimo erede in linea diretta di Isildur, figlio di Elendil. Egli salì al trono col nome di Re Elessar e sposò Arwen, figlia di Elrond.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.