FANDOM


Dís fu una Nana del popolo dei Lungobarbi appartenente alla Casa di Durin che visse durante la Terza Era. Figlia di Thráin II e sorella minore di Thorin Scudodiquercia e Frerin, fu la madre di Fíli e Kíli, e l'unica Nana mai nominata da Tolkien nelle sue opere.

Etimologia Modifica

E' stato suggerito che il nome Dís sia derivato dall'antico Norvegese: il suffisso -dís ("sorella") si trova infatti in molti nomi nordici (come "Herdís", "Hjördís", etc).

BiografiaModifica

Dís and family by Steamey

Dís (la seconda da destra) con la sua famiglia in un'illustrazione

Dís fu la figlia di Re Thráin II e sorella minore di Thorin e Frerin. Come i suoi fratelli, nacque nella Montagna Solitaria intorno al TE 2760 e fu in seguito costretta a fuggire in esilio nel TE 2770 quando il drago Smaug saccheggiò il regno. Dopo la Guerra tra i Nani e gli Orchi (nella quale morì suo fratello Frerin) si trasferì con il padre e il fratello Thorin sugli Ered Luin, dove si sposò con un nano di cui non ci è giunto il nome e mise al mondo Fîli e Kîli. A parte questo non ci sono altre notizie su di lei: non si sa se dopo la morte del fratello o dei figli si sia trasferita a Erebor oppure sia rimasta sugli Ered Luin nelle Aule di Thorin.

Le "Nane" sono nominate di rado, benchè costituiscano almeno un terzo della popolazione dei Nani. Sono raramente viste da stranieri, e anche quando lo sono, vengono spesso scambiate per nani maschi, perchè (secondo la diceria) portano anch'esse delle lunghe barbe.

AdattamentiModifica

Trilogia de "Lo Hobbit"Modifica

Ne Lo Hobbit: La desolazione di Smaug, Dís è menzionata da Kíli dopo che è stato catturato dagli Elfi Silvani, ed è tenuto prigioniero in una cella. Racconta di lei a Tauriel, una degli Elfi, e spiega che il talismano nanico che porta con sè serve a ricordargli della promessa fatta a sua madre di ritornare.

Ne Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate, quando Fíli, Kíli, Oin e Bofur arrivano nella Montagna Solitaria dopo la sconfitta di Smaug, Thorin dà il benvenuto a Fíli e Kíli come i figli di sua sorella.