FANDOM


"Nove saranno i membri della Compagnia dell'Anello, e i Nove Viandanti si opporranno ai Nove Cavalieri che sono malvagi. Con te e con il tuo fido servo verrà Gandalf; questo sarà infatti il suo grande incarico, e forse la fine dei suoi travagli. Gli altri rappresenteranno i rimanenti popoli liberi della Terra: Elfi, Nani e Uomini."
—La Compagnia dell'Anello, Il Signore degli Anelli

La Compagnia dell'Anello, cioè i nove viandanti scelti da Elrond a Gran Burrone, è l'unione di nove personaggi rappresentanti dei popoli liberi di tutta la Terra di Mezzo. Il numero è equivalente a quello dei Nazgûl, dei quali la Compagnia è l'ideale antitesi. Inizialmente i membri sarebbero dovuti essere sei, ma furono ammessi anche Merry, Pipino e Sam. Verso la metà del primo libro (La compagnia dell'Anello) muore Boromir, il rappresentante - insieme ad Aragorn - degli Uomini. Gandalf scompare nell'abisso sotto il ponte di Khazad-dûm alla metà del primo libro. Creduto morto dai suoi compagni, ricompare all'inizio del secondo libro, divenuto stregone bianco, successore di Saruman, che aveva tradito il suo incarico.

Membri Modifica

La Compagnia dell'Anello è composta da:

Storia Modifica

Il Consiglio di Elrond e la Guerra dell'Anello Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi le voci Consiglio di Elrond e Guerra dell'Anello.


La fine della Compagnia nella Terra di Mezzo Modifica

La partenza dei Portatori Modifica

La partenza per Valinor
"Allora coloro che dovevano partire furono sereni, perché compresero che Gandalf sarebbe salpato con loro. Ma ora Sam era pieno di tristezza, e gli parve che se la separazione sarebbe stata amara, più amara ancora era la via del ritorno. Ma mentre erano tutti là riuniti, e gli Elfi stavano salendo sulla nave, e ogni cosa veniva preparata per la partenza, arrivarono al gran galoppo Pipino e Merry. E fra le lacrime Pipino rideva. «Hai cercato di andartene di nascosto già una volta, Frodo, e non ci sei riuscito», egli disse. «Oggi stavi quasi per farcela, eppure hai di nuovo fallito. Ma non è stato Sam a tradirti questa volta, ma Gandalf in persona!». «Sì», disse Gandalf; «perché sarà meglio che torniate in tre piuttosto che Sam da solo. Ebbene, cari amici, qui sulle rive del Mare finisce la nostra compagnia nella Terra di Mezzo. Andate in pace! Non dirò: “Non piangete”, perché non tutte le lacrime sono un male»"
—La partenza dei Portatori, Il Signore degli Anelli

Dopo la sconfitta di Sauron i membri superstiti della Compagnia si divisero: gli Hobbit ritornarono nella Contea (dove dovettero affrontare Saruman che ne aveva preso il controllo), Gimli e Legolas ritornarono ai loro rispettivi reami, mentre Aragorn rimase a Minas Tirith a regnare assieme alla sua Regina Arwen. Un paio di anni dopo la fine della Guerra dell'Anello Gandalf e Frodo s'imbarcarono assieme a Bilbo, Elrond e Galadriel alla volta di Aman e, presso i Porti Grigi, ebbe luogo un toccante addio. Con la partenza dei Portatori degli Anelli si chiuse così la Terza Era e cominciò la Quarta.

Il destino degli altri membri Modifica

Nei centoventi anni successivi i membri rimasti della Compagnia non rimasero con le mani in mano: Merry e Pipino divennero i più rinomati Hobbit della Contea mentre Sam fu eletto per sette volte Sindaco di Pietraforata. Gimli condusse una parte del suo popolo a Rohan dove divenne il Signore delle Caverne Scintillanti, e contribuì alla ricostruzione di Minas Tirith che divenne ancora più grande e magnifica. Legolas guidò invece alcuni Elfi nell'Ithilien e lì vi abitarono, facendola tornare la più bella provincia di Gondor. Aragorn regnò per centoventi anni, riportando Gondor e Arnor alla loro antica gloria.

Ci fu poi il momento dei lutti e degli addii: Merry e Pipino, ormai anziani ma ancora forti e vigorosi, intrapresero un viaggio che li portò a Rohan e a Minas Tirith, dove si spensero serenamente; per decreto di Re Elessar vennero sepolti nelle Tombe dei Re, come Grandi Eroi di Gondor.

Sam invece, dopo la morte della moglie tramandò, il Libro Rosso per poi dirigersi ai Rifugi Oscuri dove s'imbarcò alla volta di Aman (privilegio questo riservatogli in quanto uno dei Portatori) per riabbracciare l'amato Frodo.

Aragorn's death

Aragorn morì nel 120 QE scegliendo di addormentarsi serenamente anziché persistere come avevano fatto i suoi antenati. Dopo aver detto addio alla amata moglie Arwen, tramandò al figlio Eldarion la Corona e lo Scettro di Gondor e si distese sul suo sepolcro accettando il Fato degli Uomini senza paura e con serenità.

"Ma non lasciamoci sopraffare dalla prova finale, noi che anticamente rinunciammo all’Ombra e all’Anello. In tristezza dobbiamo lasciarci, ma non nella disperazione. Guarda! Non siamo vincolati per sempre a ciò che si trova entro i confini del mondo, e al di là di essi vi è più dei ricordi. Addio!”. “Estel, Estel!”, ella gridò, e mentre gli prendeva la mano e la baciava egli si addormentò. Allora in lui si rivelò una grande bellezza, e tutti coloro che vennero a guardarlo l’osservarono con meraviglia, perché videro che la grazia della sua gioventù, il coraggio della virilità e la saggezza e maestà della vecchiaia erano fusi in uno. Egli giacque a lungo là, immagine dello splendore dei Re degli Uomini immersa nella gloria raggiante precedente al crollo del mondo. "
—La morte di Aragorn, Il Signore degli Anelli
Legolas and Gimli arrive in Valinor

Con la morte di Aragorn Legolas comprese che più nulla ormai lo legava alla Terra di Mezzo e, presa una barca, discese il corso dell'Anduin e imboccò la rotta alla volta delle Terre Immortali. Sembra che con lui vi fosse anche il Nano Gimli cui fu concesso, unico della sua stirpe, l'onore di raggiungere Aman su intercessione di Dama Galadriel. Con la partenza dei due amici la Compagnia cessò definitivamente di esistere nella Terra di Mezzo.

Adattamenti Modifica

Il Signore degli Anelli (1978) Modifica

Trilogia de il Signore degli Anelli (2001-2003) Modifica

Compagnia dell'Anello

Per la scelta degli attori che avrebbero dovuto interpretare i membri della Compagnia dell'Anello Peter Jackson prestò una cura quasi maniacale, infatti voleva che gli attori rispecchiassero il più possibile i personaggi delineati da Tolkien nel suo libro e molti di coloro che alla fine vennero selezionati erano giovani attori esordienti alla loro prima grossa produzione. Alla fine vennero fatte le seguenti scelte: Elijah Wood fu scelto per impersonare Frodo, per il ruolo di Sam fu scelto Sean Austin, Ser Ian McKellen fu Gandalf, per i ruoli di Aragorn e Boromir vennero scelti gli attori Viggo Mortensen (che venne convinto dal figlio, fan sfegatato di Tolkien ad accettare l'ingaggio) e Sean Bean, Orlando Bloom (all'epoca attore esordiente) divenne Legolas, l'attore John Rhys-Davies (che ironicamente era l'attore più alto del cast) fu scelto per interpretare il nano Gimli mentre i ruoli di Merry e Pipino furono presi rispettivamente da Dominic Monaghan e Billy Boyd.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale