FANDOM


Calacirya, detto anche il Passo della Luce è una valle che passa attraverso la catena delle Pelóri, a nord di Taniquetil, nel continente di Aman. All'interno della gola fu eretta la città di Tirion, sul colle di Túna.

EtimologiaModifica

"Calacirya" deriva dal Quenya e significa letteralmente "Passo della luce". Forme più antiche del nome erano Kalakirya e Kalakilya, mentre forme più tarde sono Kalakiryan e Calaciryan.

StoriaModifica

Il Calacirya venne creata dai Valar dopo l'arrivo degli Elfi a Valinor. Essi, infatti, persino tra i fiori radianti dei giardini del Reame Beato illuminati dagli Alberi a volte bramavano ancora di vedere le stelle; per cui i Valar praticarono una breccia nelle Pelóri. Attraverso il Calacirya, il Passo della Luce, lo splendore del Reame Beato si riversò a investire d'oro e d'argento le ombre scure, e toccò l'Isola Solitaria, Tol Eressëa, la cui riva occidentale divenne verde e chiara. E qui sbocciarono i primi fiori che mai furono visti ad est dei Monti di Aman.

Dopo l'Ottenebramento di Valinor, e la successiva ulteriore fortificazione delle Pelóri da parte dei Valar, questo fu l'unico passaggio che rimase aperto. In questa occasione, i Valar avrebbero voluto chiudere interamente le montagne ma, realizzando che agli Elfi ancora fedeli, soprattutto ai Vanyar, avrebbero giovato poter respirare l'aria esterna e il vento che viene sopra il mare dalle terre in cui sono nati, lasciarono il passo di Calacirya aperto. Inoltre i Valar non volevano isolare affatto i Teleri dai loro congeneri.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.