FANDOM


Boromir2 Questo articolo è soltanto un abbozzo
Per favore, aiuta Tolkienpedia a espanderlo, se puoi.
"Quando arrivarono al cancello, Cirdan il Timoniere si fece avanti ad accoglierli. Era molto alto, aveva la barba lunga e grigia, ed era anziano, ma i suoi occhi erano sfavillanti come stelle; li guardò, s’inchinò e disse: «Tutto è pronto»."
—Círdan, Il Signore degli Anelli, I Rifugi Oscuri

Círdan, noto anche come Nowë o Círdan il Carpentiere, era un elfo appartenente al popolo dei Teleri che dimorò a lungo nel Beleriand e nella Terra di Mezzo. Egli fu uno dei più grandi marinai e carpentieri navali del popolo degli Elfi. Fu il signore del Falas e dell'Isola di Belfalas durante la Prima Era per poi diventare Sovrano dei Porti Grigi nel Lindon durante la Terza Era. Dopo la partenza di Celeborn alla volta di Aman egli rimase, oltre a Tom Bombadil e Barbalbero, il più antico abitante della Terra di Mezzo. Fu probabilmente l'ultimo degli Elfi ad abbandonare la Terra di Mezzo durante la Quarta Era.

Etimologia Modifica

Originariamente il suo nome era Nowë che deriva dal Telerin Arcaico e significa probabilmente "Colui che immagina". In seguito assunse il nome di Círdan che in Sindarin significa "Costruttore di Navi".

Biografia Modifica

Origini Modifica

Círdan è probabilmente uno degli Elfi più vecchi che abbiano mai abitato la Terra di Mezzo. Egli fu forse uno dei primi a risvegliarsi presso le acque di Cuivienen e assieme al resto del suo popolo, sotto la guida di Elwë, intraprese il Grande Viaggio verso Ovest, attraversando gli Ered Luin e giungendo nel Beleriand. Dopo la scomparsa di Elwë Círdan fu tra quei Teleri che non se la sentirono di lasciare la Terra di Mezzo e, con una parte del suo popolo, decise di vivere sulle rive del Mare e dedicarsi alla costruzione di navi. Fondarono dunque le città di Eglarest e Brithombar, che divennero i principali porti del Beleriand.

Anni degli Alberi Modifica

L'alleanza con Thingol e la Prima Battaglia del Beleriand Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi la voce Prima Battaglia del Beleriand.

Quando Elwë riemerse con Melian dal bosco di Nan Elmoth, Círdan fece atto di sottomissione riconoscendosi suo vassallo, ma mantenendo la signoria su quello che in seguito divenne noto come Falas e i suoi abitanti Falathrim. Dopo anni di relativa pace da Angband cominciarono a sciamare Orchi e altre orribili creature che devastarono il nord del Beleriand. Círdan unì dunque le proprie forze con quelle di Thingol e Denethor e affrontò i nemici in due grandi battaglie conclusesi con la completa vittoria dei Sindar contro le armate degli Orchi. Tuttavia la pace del Beleriand era ormai finita e gli Elfi cominciarono da allora a tenere arsenali di armi, mentre Círdan si dava alla costruzione di navi da guerra.

Prima Era Modifica

La venuta dei Noldor e l'alleanza con Finrod Modifica

La ritirata sull'isola di Balar e la costruzione di Vingilot Modifica

Exquisite-kfind Per approfondire, vedi la voce Caduta del Falas.
Eärendil e Círdan

Dopo la Nirnaeth Arnoediad le truppe di Morgoth, ormai senza più alcun ostacolo, sciamarono nel Beleriand saccheggiando e distruggendo tutto ciò che incontravano. Conscio di non poter far fronte da solo alle armate di Angband, Círdan radunò il suo popolo sulle navi e evacuò le città di Eglarest e Brithombar, trasferendosi sulla grande Isola di Balar e portando con sé il figlio di Orodreth Gil-Galad salvandogli la vita. Questa divenne dunque un rifugio sicuro per i fuggiaschi dall'influenza di Morgoth, anche perché l'Oscuro Signore non possedeva una flotta né sembrava interessato a crearne una. Per oltre cinquant'anni Círdan e il suo popolo vissero un periodo di relativa calma, pur non abbassando mai la guardia e tenendo sempre sotto controllo le coste del Beleriand. Egli ricevette i messaggeri di Turgon da Gondolin e per loro costruì le navi per cercare di raggiungere Valinor e impetrare il perdono dei Valar, ma nessuno di essi fece ritorno. Nel 512 PE assistette i superstiti di Gondolin guidati da Tuor e li aiutò a costruire un proprio principato presso le Bocche del Sirion. Nel 525 PE, secondando i desideri di Tuor e Idril, costruì per i due sposi una nave con la quale fecero vela per Valinor e non tornarono mai più. Fu una specie di mentore per Eärendil, trasmettendogli molta della sua conoscenza del mare e della carpenteria: con esso costruì la bianca nave Vingilotë, con la quale il giovane Eärendil, divenuto noto come Il Marinaio, comincia solcare i mari spingendosi sempre più ad ovest nella speranza di raggiungere i genitori a Valinor.

Seconda Era Modifica

Vita nel Lindon Modifica

Dopo la Guerra d'Ira Círdan si trasferì nel Lindon assieme a ciò che restava della sua gente, riconoscendo Gil-Galad come proprio Re e signore. Non si hanno molte notizie dell'elfo in questo periodo della sua vita, ma è probabile che sia stato uno dei consiglieri più ascoltati del Re Supremo dei Noldor, il quale gli avrebbe probabilmente delegato la gestione della flotta e delle città costiere. Fu amico dei Dúnedain ed ebbe modo di scambiare molte delle sue conoscenze sia con Vëantur, il grande Ammiraglio Numenoreano, che con il nipote di questi Tar-Aldarion.

Guerra dell'Ultima Alleanza Modifica

Isildur rivendica l'Anello

Nel 3434 SE Círdan marciò contro Sauron assieme all'esercito dell'Ultima Alleanza e prese parte sia alla Battaglia di Dagorlad che all'Assedio di Barad-dûr. Non riuscì tuttavia ad impedire che Gil-Galad e Elendil trovassero la morte per mano di Sauron in un epico duello. Alla fine fu il figlio di Elendil Isildur a sconfiggere l'Oscuro Signore e ad impadronirsi dell'Unico Anello. Nonostante le esortazioni di Elrond e Círdan tuttavia, il Principe Numenoreano rifiutò di distruggere l'oggetto gettandolo nelle fiamme del Monte Fato, sostenendo che sarebbe stato un guidrigildo per la morte di suo padre e suo fratello.

Terza Era Modifica

Signore dei Rifugi Oscuri Modifica

Con la morte di Gil-Galad Círdan assunse dunque la reggenza di ciò che restava del Lindon, anche se non si proclamò mai Re. Egli proseguì una politica di amicizia con l'Arnor e nel corso della Guerra tra Arnor e Angmar fornì sempre assistenza ai Dúnedain, inviando anche delle truppe a combattere contro gli eserciti del Re Stregone. Fece inoltre parte del Bianco Consiglio, anche se non partecipava spesso alle riunioni

La venuta degli Istari Modifica

Come signore dei Porti Grigi vide per primo l'arrivo degli Istari, figure inviate nella Terra di Mezzo per aiutare i Popoli Liberi ad unirsi nella lotta contro il potere di Sauron, rinnovando così in sé la speranza nella venuta di tempi senza la presenza del male. Círdan fu il primo ad intuire in Gandalf il massimo spirito fra gli Istari e il più sapiente e perciò affidò a lui l'Anello di fuoco Narya, che gli era stato dato da custodire.

La Guerra dell'Anello partenza dei Portatori degli Anelli per Valinor Modifica

Quarta Era Modifica

Alla fine nella Terra di Mezzo non rimasero più Elfi, salvo gli Elfi Silvani, dunque Círdan prese la decisione di partire alla volta dell'Ovest e l'ultima nave ad abbandonare i Rifugi Oscuri fu la sua. É probabile che con lui siano salpati anche Celeborn e Elladan e Elrohir. Con la sua partenza non rimase più nessuno degli Elfi delle Tre stirpi ancestrali e cominciò definitivamente il Tempo degli Uomini.

Curiosità Modifica

  • Círdan è l'unico della razza dei Primogeniti a mostrare segni tangibili di invecchiamento: è infatti l'unico elfo a cui cresca una lunga barba grigia e che porti sul suo volto i segni dell'età.
  • È l'elfo più anziano della Terra di Mezzo, con un'età che potrebbe tranquillamente sfiorare i 15,000 anni mortali.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.