FANDOM


Boromir2 Questo articolo è soltanto un abbozzo
Per favore, aiuta Tolkienpedia a espanderlo, se puoi.

Bofur fu un nano della stirpe dei Vastifasci o dei Barbafiamma che visse nella Terra di Mezzo a cavallo tra la Terza e la Quarta Era.

Cugino di Bifur e Bombur, partecipò con Thorin e la sua Compagnia all'Avventura della Montagna Solitaria con l'intento di liberare Erebor da Smaug e riprendersi il tesoro dei Nani.

Sopravvissuto alla Battaglia dei Cinque Eserciti visse gli anni successivi a Erebor godendosi la sua quattordicesima parte del tesoro.

Etimologia Modifica

Come per gli altri nani de Lo Hobbit anche il nome Bofur è tratto dalla Völuspá.

Nella versione originale il nome era Bǫvurr ma il significato è sconosciuto.

Storia Modifica

Origini Modifica

L'Avventura della Montagna Solitaria Modifica

Tra la Terza e la Quarta Era Modifica

Adattamenti Modifica

Lo Hobbit (1977) Modifica

Bofur Lo Hobbit (1977)

Nell'adattamento animato Lo Hobbit (1977) non è accreditato nessun attore come suo doppiatore; il personaggio così come è reso nel film non parla praticamente mai, se non in coro con altri Nani.

Trilogia de Lo Hobbit (2012-2014) Modifica

Bofur Lo Hobbit (2012)

Nella Trilogia di Peter Jackson il personaggio di Bofur è interpretato dall'attore James Nesbitt.

Nell'opera del regista neozelandese a Bofur viene dato molto più risalto che nel libro, presentandolo come un esperto di meccanica e tecnologia in generale.

É inoltre uno dei più allegri del gruppo, sempre pronto a ridere e scherzare, oltre ad essere estremamente leale con gli amici.