FANDOM


Bifur fu un nano del popolo dei Vastifasci o dei Barbafiamma che visse durante la Terza Era. Cugino di Bofur e Bombur, prese parte con Thorin e la sua Compagnia all'avventura della Montagna Solitaria per la riconquista di Erebor dal drago Smaug. Sopravvissuto alla Battaglia dei Cinque Eserciti, Bifur trascorse gli anni successivi a Erebor godendosi la sua quattordicesima parte del tesoro.

Etimologia Modifica

Come per i nomi degli altri nani de Lo Hobbit anche Bifur era il nome di un nano della Völuspá, anche se la forma originaria era Bivurr. Significa letteralmente "Castoro" o "Grande Lavoratore".

Biografia Modifica

Origini Modifica

Bifur viene descritto come più vecchio di Fíli e Kíli ma più giovane di Balin, il che porterebbe a collocare la sua nascita in un periodo compreso tra il 2763 TE e il 2809 TE. Visse principalmente sugli Ered Luin, ed entrò a far parte del seguito di Thorin assieme ai suoi cugini Bofur e Bombur.

L'Avventura della Montagna Solitaria Modifica

Bifur giunse a Casa Baggins la sera del 26 Aprile 2941 TE assieme al quinto gruppo di Nani, di cui faceva parte anche Thorin, e indossava un cappuccio giallo. Una volta entrato chiese a Bilbo della marmellata e una torta di mele e partecipò banchetto imbastito dai Nani. Quando Thorin ordinò di tirar fuori gli strumenti per intonare la Canzone dei Nani, Bifur e Bofur suonavano entrambi un clarinetto.

Quando i Mannari costrinsero i Nani a rifugiarsi sugli alberi a Bifur toccò dividere il pino con Bofur e Bombur. Successivamente, quando la compagnia di Nani giunse alla Casa di Beorn, Bifur faceva parte dell'ultimo gruppo di Nani introdotto a Beorn, assieme a Bofur e Bombur.

A seguito della fuga dalle Aule di Thranduil con i barili, Bifur fu tra quei Nani che quando vennero liberati da d Bilbo e da Thorin erano talmente malconci che si rifiutarono di muoversi. In seguito si recò alla Montagna Solitaria assieme al resto della Compagnia e dove combatté valorosamente nella Battaglia dei Cinque Eserciti riuscendo a sopravvivere.

Gli ultimi anni Modifica

Bifur visse il resto della sua via a Erebor, godendosi la sua quattordicesima parte del tesoro. Nel 3019 TE Glóin, giunto a Imladris come ambasciatore di Dain II Piediferro, riferì a Frodo che Bifur e gli altri compagni di Bilbo erano ancora a Erebor vivi e vegeti. Potrebbe aver partecipato alla Battaglia di Dale, ma di questo non vi sono certezze.

Adattamenti Modifica

Lo Hobbit (1977) Modifica

Bifur Lo Hobbit (1977)

Nel film animato Lo Hobbit (1977), nessun attore è stato accreditato nel ruolo di doppiatore di Bifur, il quale tuttavia non parla mai da solo ma sempre in coro con gli altri Nani.

Trilogia de Lo Hobbit (2012-2014) Modifica

Bifur Lo Hobbit (2012)

Nella trilogia di Peter Jackson il personaggio di Bifur è interpretato dall'attore William Kircher. In questo adattamento Bifur, a causa di un'ascia di orco conficcata in testa, è in grado di esprimersi solo in Khuzdul e gli altri fungono da interpreti. Se ne libererà in una scena estesa del film della "Battaglia delle Cinque Armate", riuscendo nuovamente a parlare. In battaglia porta una lancia.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale