FANDOM


Barad-dûr fu la fortezza principale dell'Oscuro Sire Sauron nelle terra di Mordor e il fulcro stesso del suo potere. Al suo interno sono presenti armerie, sale di tortura e il Palantir di Minas Morgul (in precedenza Minas Ithil).

Etimologia Modifica

Il nome Barad-dûr è un nome di origine Sindarin che significa letteralmente "Torre Oscura" dall'unione delle parole barad (torre) e r (oscurità). In Linguaggio Nero di Mordor la torre è nota anche con il nome di Lugbúrz che significa letteralmente Fortezza Tenebrosa, dalle parole lug (fortezza, prigione) e búrz (oscurità, tenebra).

Descrizione Modifica

Circondata dalle ombre, a causa delle ceneri continuamente eruttate dal Monte Fato, ma anche per la presenza di Sauron in essa, Barad-dûr è descritta (e percepita spesso anche dagli stessi protagonisti de Il Signore degli Anelli) come rappresentazione ed estensione fisica della volontà e della potenza del Maia decaduto.

La fortezza sorge a circa 30 miglia ad est del Monte Fato e 100 miglia a sud-est del Cancello Nero. Dalla fortezza si snodano due strade: una che prende la via dell'ovest dirigendosi direttamente al Cancello Nero, e un'altra che conduce direttamente alla Sammath Naur, l'immensa fucina personale di Sauron che sorge nelle profondità del Monte Fato.

Barad-dûr si presenta come la più grande fortezza del Male dai tempi di Angband. Le sue fondamenta furono erette sopra una montagna di ferro e la sua struttura fu completata con enormi torri, cancelli e barbacane costruiti con materiale indistruttibile, più scuro delle nubi nere che sovrastano i cieli di Gorgoroth.

Tolkien non specifica mai con chiarezza quale sia la reale dimensione ed imponenza della Torre Oscura, ma ne fa cogliere fugacemente al lettore, come nella visione d'insieme che ne ha Frodo prima del suo crollo finale, quegli aspetti che sono rappresentativi della mente contorta e sigillata di Sauron: l' Occhio senza palpebre "osserva" insonne la Terra di Mezzo dal pinnacolo più alto di Barad-dûr, la cui surreale ed immensa architettura è un insieme grottesco di innumerevoli torrette, fossati, cortili, prigioni e «immensi cancelli d'acciaio e diamante»

Storia Modifica

Origini e la Guerra dell'Ultima Alleanza Modifica

La torre venne costruita da Sauron durante la Seconda Era. La costruzione cominciò segretamente nell'anno 1000 SE, ma fu solo nel 1600 SE che la completò grazie anche al potere del suo Anello la cui essenza permeò da allora la struttura della torre impedendole di essere distrutta. Da questa immensa fortezza Sauron estese la propria influenza sulla Terra di Mezzo orientale assoggettando al suo volere gli Esterlings e gli Hardrim. Nel 3262 SE fu costretto ad abbandonare Mordor e seguire da prigioniero Ar-Pharazôn a Númenor, ma la sua fortezza rimase intatta mentre lui lavorava per causare la ovina degli odiati Dúnedain.

Nel 3319 SE ritornò a Barad-dûr e lì si mise all'opera per preparare la guerra contro gli Elfi e i regni degli Esuli Dúnedain di Gondor e Arnor. Nel 3431 SE le sue armate si mossero da Mordor e dilagarono nell'Ithilien conquistando Minas Ithil e costringendo Isildur alla fuga. Tuttavia la fiera resistenza di Anárion a Osgiliath bloccò la sua avanzata e l'arrivo dell'esercito dell'Ultima Alleanza lo costrinse a ritirarsi a Mordor. Nel 3434 SE Barad-dûr fu assediata dagli eserciti dei Dúnedain, degli Elfi e dei Nani che per sette anni rimasero davanti alle sue mura respingendo le continue sortite degli Orchi. Nel 3441 SE ebbe luogo la Battaglia di Dagorlad e Sauron fu sconfitto e i soldati dell'Ultima Alleanza si diedero da fare per abbattere la torre, ma essa era legata l'esistenza dell'Unico Anello che Isildur si era tuttavia rifiutato di distruggere; per questo motivo le fondamenta rimasero in piedi, in attesa del ritorno di Sauron.

Barad-dûr nel film Il Signore degli Anelli.JPG

Barad-dûr come appare nella trilogia di Peter Jackson

La Terza Era Modifica

Nel 1050 TE Sauron ritornò nella Terra di Mezzo, ma non si rivelò da subito: egli pose inizialmente la propria residenza a Dol Guldur, dove costruì una tetra fortezza, a sud di Bosco Atro e assunse l'identità del Negromante. Per ottocento anni agì nell'anonimato ricostruendo pian piano il suo potere che tuttavia, benché molto grande, era indebolito dalla mancanza del suo Anello. Nell'anno 2000 TE egli inviò il Re Stregone a Mordor con il compito di preparare il suo ritorno e dare inizio alla ricostruzione di Barad-dûr. Nell 2850 TE Gandalf scoprì l'identità di Sauron, ma si dovette attendere il 2941 TE, anche a causa dell'opposizione di Saruman, affinché il Bianco Consiglio si decidesse ad attaccare Dol Guldur e a scacciare Sauron. Ma all'Oscuro Signore non importava la perdita della sua fortezza nel Bosco Atro: Barad-dûr era ormai stata ricostruita ed egli aspettava il momento giusto per trasferirsi e rivelare alla Terra di Mezzo il suo ritorno. Dieci anni dopo Sauron ufficializzò la sua venuta rioccupando Barad-dûr e da lì conducendo la sua guerra contro i Popoli Liberi della Terra di Mezzo. Durante la Guerra dell'Anello egli scrutava la Terra di Mezzo dall'alto della sua immensa torre alla ricerca del suo Anello e al tempo stesso conduceva le sue armate contro coloro che gli si opponevano. Nel 3019 TE tuttavia Frodo riuscì, aiutato in questo da Gollum, a distruggere l'Unico Anello gettandolo nel Monte Fato; non più sorretta dal potere di Sauron, dissoltosi con l'Anello, la fortezza crollò e le sue fondamenta si sbriciolarono, rendendone impossibile la ricostruzione e liberando per sempre la Terra di Mezzo dalla sua incombente presenza.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale