FANDOM


Amdír, conosciuto anche col nome di Malgalad, fu un elfo della stirpe dei Sindar che visse tra la Prima e la fine della Seconda Era. Originario del Doriath, dopo la caduta del Beleriand divenne sovrano di Lothlorien e partecipò alla Guerra dell'Ultima Alleanza, nella quale trovò la morte. Fu il padre di Amroth, che gli succedette sul trono.

Etimologia Modifica

Il nome Amdír è di origine Sindarin e significa letteralmente "Speranza". Anche Malgalad è un nome Sindarin ma il suo significato è incerto: potrebbe infatti significare "Albero Dorato".

Biografia Modifica

Amdír nacque probabilmente nel Doriath, non si sa se durante gli Anni degli Alberi o durante la Prima Era. Dopo la distruzione del Beleriand, guidò assieme a Oropher una numerosa schiera di Sindar verso est e con una parte di essa si stabilì in quello che divenne noto come il regno di Lothlórien, unendosi al popolo di Nandor che già abitava quella terra. Regnò per quasi tutta la Seconda Era senza particolari problemi, rimanendo estraneo alle vicende di Númenor e alla Guerra tra Sauron e gli Elfi. Tuttavia nel 3434 SE partecipò con il proprio esercito alla Guerra dell'Ultima Alleanza, ma rifiutò di mettersi agli ordini di Gil-galad, a causa della vecchia ruggine tra i Noldor e i Sindar, preferendo unire la propria schiera a quella di Oropher,che giungeva da nord. Meno numerosi e meno pesantemente armati dei Noldor, i soldati di Oropher e Amdír si spinsero troppo avanti e furono intercettata da una numerosa armata di orchi e esterlings nei pressi delle Paludi Morte: qui i due re Elfi furono accerchiati con metà dei loro guerrieri e, nonostante il loro valore, caddero combattendo. Ad Amdír succedette il figlio Amroth, che regnò su Lothlórien fino al 1980 TE.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale